Tanto per cominciare

home Forum Lavorazione Specchio Parabolico Tanto per cominciare

Questo argomento contiene 10 risposte, ha 3 partecipanti, ed è stato aggiornato da  Giulio Tiberini 6 mesi, 1 settimana fa.

Stai vedendo 11 articoli - dal 1 a 11 (di 11 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #10785

    Fabrizio Dringoli
    Utente
    • Messaggi 13
    • Offline

    Buonasera
    Vedo che ci sono già alcune discussioni in merito,ma non mi piace entrare in mezzo ad altri,quindi ne inizio una nuova. Le domande principali sono 2 (solo per iniziare :whistle: )
    Come prima grattata volevo iniziare con un comunissimo vetro,ho trovato una vetreria che mi può tagliare il 19mm,per fare un 250 o 300 di diametro potrebbe andare? Parlando con il vetraio mi diceva che un suo collega ha il forno per incollarli insieme e quindi raddoppiare lo spessore,voi avete mai provato?
    Grazie in anticipo.

    #10786

    Giulio Tiberini
    Autore
    • Messaggi 466
    • Offline

    Ciao Fabrizio.
    Si, con il vetro da 19mm oggi si può arrivare fino al diametro 300 facendo una buona cella verificata con GuiPlop.

    Per quanto riguarda la fusione di due dischi per raddoppiarne lo spessore, è sicuramente praticabile, (già da tempo Hubble Optics fornisce degli specchi composti da due dischi ancorati reciprocamente dal ramollimento generale in forno di essi contro molte colonnette di identico vetro), ma non c’è stata sperimentazione, quindi è difficile dire se lo specchio risultante può cadere vittima di tensioni interne dovute al procedimeno della saldatura, tali da deformarlo al momento del suo indebolimento di una faccia dovuto allo scavo su di essa della curvatura.

    Bisognerebbe sapere come funzionano i trattamenti di ricottura e distensione per il vetro; e avere il coraggio di provare.

    Ma il rischio c’è perchè le tolleranze di realizzazione di uno specchio sono dei soliti 68,75 milionesimi di millimetro, e una deformazione altrettanto piccola forse è possibile…Però potrebbe trasformare lo specchio un costoso fermacarte. :cry:

    #10789

    Fabrizio Dringoli
    Utente
    • Messaggi 13
    • Offline

    Ok capito
    Adesso faccio così,mi faccio tagliare 2 300mm di sp.19mm e intanto vedo se comincio a capirci qualcosa,già rispetto al mio 155 questa estate mi darà molte più soddisfazioni.In seguito se la passione continua e soprattutto riesco nell’opera affronteremo grandezze più importanti e vedremo come fare.

    #10790

    Giulio Tiberini
    Autore
    • Messaggi 466
    • Offline

    Per farti tagliare i due dischi di vetro, tieni conto che al diametro nominale dello specchio occorre aggiunere di solito 5mm (esempio 300+5), che sono destinati allo smusso circonferenziale, che è necessario mantenere presente per tutta la durata della lavorazione, al fine di scongiurare scheggiature al bordo.

    #10837

    Fabrizio Dringoli
    Utente
    • Messaggi 13
    • Offline

    Buonasera,
    ordinati i vetri ed il Carborundum dalla 60 alla 1000.
    Ho preso due vetri da 310,ma anche un saccone di gesso per stampi,cosa mi consigliate come principiante,Costruire un utensile o lavorare con due vetri?

    #10838

    Giulio Tiberini
    Autore
    • Messaggi 466
    • Offline

    Assolutamente lavorare con i due vetri. (Il mio pensiero è che, per quel che costa un vetro calciosodico da 19mm, specie a un neofita non conviene cercare altre soluzioni che sarebbero molto sperimentali e abbastanza senza senso). LA PRIMA VOLTA è MEGLIO ANDARE DRITTI VERSO LA META, che la strada è ancora ignota.

    #10843
    Massimo Marconi
    Massimo Marconi
    Autore
    • Messaggi 446
    • Offline

    D’accordissimo con Giulio, oltretutto i due vetri offrono più controllo sulla regolarità della superficie che si sta lavorando fin dalle prime fasi, si arriva alla lucidatura con una buona percezione della qualità della sfera semplicemente osservando l’uniformità della distribuzione delle bollicine d’aria nella miscela abrasiva tra i vetri.

    #10844

    Fabrizio Dringoli
    Utente
    • Messaggi 13
    • Offline

    Perfetto grazie,oggi ho preso i vetri e ieri mi sono arrivate le buste di Carborundum,adesso devo ordinare l’ossido di cerio,due cose,quanto ne prendo? Ho letto che dovrebbe servirmene circa 600grammi per lo specchio da 310.Da qualche parte ho letto che potrei sostituirlo con l’ossido di alluminio,mi confermate?

    #10845
    Massimo Marconi
    Massimo Marconi
    Autore
    • Messaggi 446
    • Offline

    L’ossido di alluminio ha un buon potere lucidante, tuttavia è difficile trovarlo a granulometria controllata, ( e quando lo si trova il prezzo aumenta ) il che significa che tra i normali granuli di dimensioni medie di due micron adatti a lucidare il vetro, c’è una percentuale significativa di granuli di dimensioni maggiori che generano righe e solchi sulla superficie impossibili poi da togliere se non tornando indietro con la smerigliatura e carborundum.
    Inoltre l’ossido di alluminio è un materiale poco tenace, se si osservano i granuli al microscopio si può vedere che essi sono costituiti da bordi taglienti ed affilati ma che solo dopo poche passate si arrotondano e perdono la capacità abrasiva e lucidante. Quindi si è costretti ad un ricambio ed utilizzo maggiore rispetto all’ossido di cerio.

    #10852

    Fabrizio Dringoli
    Utente
    • Messaggi 13
    • Offline

    Ok grazie allora vada per il cerio

    #10862

    Giulio Tiberini
    Autore
    • Messaggi 466
    • Offline

    Credo che per un 300 basti ossido di cerio per meno di mezzo chilo….(forse anche solo 250 grammi)
    A “spanne”, se ne usa un cucchiaio da cucina raso, diluito in poca acqua quel tanto da renderlo cremoso e spalmabile su specchio o utensile con una pennello.
    In genere basta per una serata di lavoro (e qualche volta ne avanza, ed è riutilizzabile l giorno dopo, solo se non perde la cremosità. Il che consiglia di realizzare la diluizione in un vasetto di vetro ex omogeneizzato infantile, ben chiuso a fine lavoro). Altrimenti lavare e gettare il residuo per evitare incrostazioni che varino la granulometria.

    L’ossido di cerio, contrariamente al carborundum, si incrosta nella pece, e quindi ne viene persa una sola frazione. Ecco perchè dura molto.

Stai vedendo 11 articoli - dal 1 a 11 (di 11 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.